1.678 views

Anno nuovo, stessi Vizi. La denuncia fatta al Senato non è servita. Guardate come hanno pubblicato il Bilancio di Previsione



Di il 8 gennaio 2014

L’anno nuovo inizia all’insegna del vecchio: gli amministratori comunali, con in testa il Sindaco, non ne vogliono sapere di adeguarsi alle norme sulla trasparenza. Le uniche norme che sembrano conoscere sono quelle relative alle loro indennità, stipendi, tasse e ogni altro mezzo per mettere le mani nelle tasche nei cittadini, per il resto fanno orecchie da mercante.

Ancora nessun risultato sul piano della trasparenza.

E tutto ciò, nonostante da questo sito siano stati scritti fiumi di inchiostro nel merito e nonostante la portavoce Ornella Bertorotta del Movimento 5 Stelle abbia, con uno storico intervento al Senato, denunciato all’opinione pubblica e ai senatori  della Repubblica italiana le violazioni di legge in termine di trasparenza, di cui l’amministrazione Fantauzzo si è resa responsabile.

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.

Purtroppo è diventata una routine da parte del sindaco Fantauzzo promettere e non mantenere.

Del resto l’ha sempre fatto, fin dal primo momento della sua candidatura a sindaco, sfoderando un ambizioso programma elettorale costellato da demagogici propositi e vere prese in giro, tra cui la riduzione del sua indennità di carica a Sindaco, poi rilevatasi una bufala con il trucco del fino a 75%, e facendo credere in campagna elettorale, da perfetto imbonitore a tutta la cittadinanza, che si sarebbe ridotto drasticamente il suo compenso.

E che dire poi della trasparenza e della democrazia partecipata propagandate come punti caratterizzanti del programma elettorale della lista Grotte Domani?

Ad oggi non si è visto nulla di nulla.

Eppure il Sindaco Fantauzzo continua ad accusare il M5S di populismo, quando nei fatti di populismo e di demagogia politica, come è dimostrato dai fatti, il primo rappresentante è proprio lui.

Ecco un’ulteriore prova di quanto andiamo denunciando.

Il bilancio di previsione del 2013 viene pubblicato dopo un mese dalla sua approvazione, avvenuta in data 29/11/2013 con Delibera di Consiglio Comunale n.80, sul sito web del comune, riportando la sintesi degli interventi durante la seduta consiliare, mentre una sola paginetta (vedi pag. 4 del pdf), per di più illeggibile in alcune parti, del bilancio vero e proprio viene allegata alla delibera.

Leggi la DELIBERA cliccando su ogni pagina:

▶ Scarica delibera pdf

Della relazione previsionale e programmatica e del bilancio pluriennale 2013-2015  non vi è traccia leggibile fra gli allegati pubblicati (sono presenti insieme alla delibera altri 3 allegati pdf, ma impossibili da aprire e di cui si sconosce il contenuto) e nonostante fossero stati dichiarati nel corpo della stessa delibera, insieme al bilancio di previsione, parti integranti e sostanziali.

Come al solito, chi materialmente prepara le delibere al comune Grotte è molto distratto e non ha ancora imparato a copiare. Se ci fate caso, l’oggetto della prima pagina della delibera (pdf) fa riferimento agli anni 2013-2015, mentre nella seconda fa riferimento al 2012-2014. Farà un po’ ridere, ma la svista non ci tange più di tanto.

Quello che più ci preme è far rilevare la violazione, per l’ennesima volta, da parte di questa Amministrazione del D. Lgs 33/2013, in particolare dell’art.9 che testualmente recita:

  • Le pubbliche amministrazioni pubblicano i dati relativi al bilancio di previsione e a quello consuntivo di ciascun anno in forma sintetica, aggregata e semplificata, anche con il ricorso a rappresentazioni grafiche, al fine di assicurare la piena accessibilità e comprensibilità”.

A parte la forzatura della forma eccessivamente sintetica, ditemi voi, se la rappresentazione del bilancio di previsione 2013 del comune di Grotte, peraltro molto corposo, assicuri la “piena accessibilità e comprensibilità”.

Se è intendimento dell’Amministrazione Fantauzzo continuare a violare impunemente le norme di trasparenza, fregandosene altamente del suo programma elettorale e dei diritti della collettività, continui pure a farlo, ma non crediamo che ne abbia per molto.

Questa amministrazione ha un concetto molto personale della legalità, nel senso che chi l’invita a rispettarla è uno squadrista, ragazzaccio di strada, sfascista, populista, bimbo da bar, sobillatore e chi più ne ha più ne metta. La tipica reazione di chi vuole abusare del proprio potere in maniera indisturbata.

Comunque noi continuiamo sulla nostra strada.

A breve  provvederemo ad inoltrare un’ulteriore istanza di accesso civico in materia.

One Response to Anno nuovo, stessi Vizi. La denuncia fatta al Senato non è servita. Guardate come hanno pubblicato il Bilancio di Previsione

  1. mimmo on 8 gennaio 2014 at 19:23

    si puo veramente essere cosi??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *