1.189 views

Consiglio comunale di Carnalivari: premiate le maschere del duo “Fantauzzo&Aquilina”.



Di il 28 febbraio 2017

Il sindaco Paolino Fantauzzo, l’uomo dalle promesse disattese, pare essere sempre più isolato. L’Assessore Aquilina, forte del suo consenso elettorale, resiste e gli fa da spalla.
Il consigliere di maggioranza Pino Arnone pare si voglia DIMETTERE. Strano, visti i “successi” della coppia “Fantauzzo&Aquilina”; Angelo Collura ha attaccato il Sindaco perché non coinvolge la maggioranza nelle decisioni. Quindi non ha responsabilità sul l’operato di questa giunta. Inoltre, si apprende che i consiglieri non siano stati invitati all’intitolazione della guardia medica, compresa la sig.ra Marchetta, in qualità di presidente del consiglio, che si sente ovviamente “offesa”!!!
Per la cronaca dei 5 “onorevoli” che avrebbero dovuto presenziare all’intitolazione, non se ne hanno notizie…pare l’abbiano disertato TUTTI!

Dall’opposizione consiliare, nel frattempo, sono arrivate diverse “denunce”: entro il 31/12 potevano essere stabilizzati 2 contrattisti ma hanno annullato il bando non si sa perché; riguardo la delibera sull’acquisto dell’immobile per 44.000 euro, tutto il consiglio comunale non era stato messo a conoscenza…il consiglio stesso, a maggioranza, ha votato contro.
Il sindaco pro-tempore, Paolino Fantauzzo, potrà sempre dire di averci provato ma, non gli è stato permesso di andare fino in fondo!
Infine, si è discusso finalmente in Consiglio Comunale della grande “incompiuta” del 2016, l’Impianto Polivalente Sportivo. I 185.000 euro, a carico del Comune, destinati al palazzetto o impianto polivalente coperto, come suggerito dai banchi dell’opposizione, potrebbero destinarsi per una nuova palestra per la scuola media. (Forse non lo sanno, ne abbiamo già due: una palestra chiusa, l’altra in concessione gratuita al coniuge dell’attuale vicesindaco)
Il sindaco propone di “investirli” riportando gli alunni nella vecchia scuola, che ha già la palestra, ma la verità è un’altra.
Con i soldi delle casse comunali (i già citati 185.000 euro a lordo del ribasso) sistemeranno l’area franata sotto la ferrovia, nei pressi del campo di calcio a 5.
Forse niente impianto polivalente sportivo, solo opere in prevalenza di risanamento (vedi delibera di G.M. N.9/2017). Soldi dei grottesi che rischiano di essere spesi per nulla.
Sostengono che la frana sia stata provocata da un “forte temporale” abbattutosi nella notte del 3/4/2016.
Erano previsti per quest’opera 694.000 euro, di cui 185.00 euro a carico del Comune, mentre 509.000 euro a carico dal Ministero, che non ha approvato il contratto di appalto a lavori già iniziati, ritenendo non regolare la procedura di gara!
Niente opera forse, intanto tasse per tutti.

Grotte, opera pubblica incompiuta 2016

Grotte, opera pubblica incompiuta 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *