916 views

Democrazia Partecipata: “…cu Chissi un si ci pò parlari”!!!



Di il 10 febbraio 2017

Democrazia Partecipata: “…cu Chissi un si ci po’ parlari”!!!

Alla riunione sulla democrazia partecipata di giorno 1 febbraio è stato comunicato ai presenti che saremo stati messi a conoscenza delle prossime “mosse” tramite un comunicato pubblico.

Ebbene, forse per “comunicato pubblico”, i nostri esperti e navigati amministratori, intendevano dire che avrebbero architettato, nel pieno stile di chi non accetta un confronto “educato” sul campo delle idee, un “comunicato pubblico”, pieno di illazioni, offese e inesattezze nei confronti del nostro meetup, che è bene ribadirlo, non rappresenta il Movimento 5 stelle, non avendo eletti, ma semplicemente cittadini che cercano di portare avanti proposte nel rispetto delle regole, della trasparenza e della legalità nel nostro piccolo paese.

La sindrome del Marchese del Grillo non gli è ancora passata. Come si fa a raccontare tante menzogne in poche righe? La conduzione dell’assemblea da parte dell’Assessore Aquilina, con un intervento a chiarimento del Sindaco che invitava a non indicare proposte sul “furetto grottese”, ha anche fatto perdere le staffe al Consigliere Comunale Leonardo Cutaia, presente in qualità di rappresentante di una associazione, che così stigmatizzava il comportamento degli amministratori:“…cu Chissi un si ci pò parlari”!!!

Il Sindaco Paolino Fantauzzo e l’Assessore Diego Aquilina non vogliono, o forse, non riescono ad accettare il fatto che noi siamo a tutela solo di interessi collettivi.

Ripetiamo che le proposte del Meetup Grotte 5 Stelle, come quelle già trasmesse nel 2016, sono coerenti con la nostra ideale alternativa a questo modo non oculato di governare e gestire.

 

Repetita iuvant, quelli di seguito sono gli interventi suggeriti e mirati al sostegno degli interessi dei grottesi:

  • Approvazione regolamento comunale per il bilancio partecipativo;
  • Sostegno alle famiglie;
  • Potenziamento videosorveglianza;
  • Sostegno all’acquisto di farmaci non prescrivibili.

Il tempo è galantuomo e le bugie hanno le gambe corte, ma così corte che il comune di GROTTE è stato appunto SANZIONATO.

Pubblichiamo di seguito una tabella, dell’Assessorato Regionale Autonomie Locali e Funzione Pubblica dove sono indicate le SANZIONI per mancata adozione forme di democrazia partecipata.

D.A. n. 180/S4

Comune di Grotte: sanzione ex art. co 1 art. 6 L.r. n. 5/2014 e s.m.i., pari ad €. 872,23.

Proponiamo di registrare il prossimo incontro pubblico, come si faceva con i consigli comunali prima della censura. Anche se la legge non lo impone, quindi, questa sarà l’ennesima proposta da parte del Meetup che questa Amministrazione non terrà in considerazione. Ce ne faremo una ragione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *