1.540 views

La Dittatura del Partigiano



Di il 30 gennaio 2014

E’ scandaloso quanto successo ieri alla Camera dei Deputati. La presidente Boldrini,  con un colpo di mano o di Ghigliottina o, se preferite, di Tagliola (comportamento non previsto dal regolamento della Camera), ha messo a votazione, in un solo minuto, il decreto IMU-BANKITALIA, impedendo l’intervento di circa 164 deputati, iscritti a parlare, e  scappando subito dopo dall’aula. Con l’approvazione di questo decreto legge, che sarebbe scaduto nella mezzanotte di ieri, sono stati regalati sette miliardi e mezzo di euro alle banche private (7,5 miliardi di EURO).

In aula si è scatenato un putiferio.
I piddini cantavano “Bella ciao” e gridavano FASCISTI ai grillini che subito dopo occupavano pacificamente, in segno di protesta, i banchi del governo tra cui la deputata grillina Loredana Lupo, colpita in volto da un ceffone sferrato dal deputato questore, ex magistrato, Stefano Dambruoso di  Scelta  Civica.

images

Così facendo i deputati democratici ci hanno regalato, hanno consegnato alla storia l’immagine dei partigiani che lottano nel freddo e nel gelo per donare la libertà, o meglio miliardi di euro, alle povere banche derelitte. Che spettacolo! Che grandioso epilogo per la resistenza italiana!

Ci accusano di fascismo ancora una volta. Sparano in faccia alle regole del dibattito assembleare, violando, forzando  il regolamento della Camera, e per di più proprio all’interno di un luogo – l’aula della Camera dei Deputati –  che dovrebbe essere l’emblema  della democrazia e del dibattito, e poi ci accusano di fascismo.

Come se non bastasse, stamattina 30/1/2014,  sulla proposta di legge elettorale Renzi-Berlusconi un altro golpe si è compiuto in Commissione Affari Costituzionali, ove il presidente autonominatosi relatore, senza aprire alcuna discussione, l’ha messa direttamente ai voti per alzata di mano, dichiarandone l’approvazione, tutto in appena un minuto, tra la concitate proteste dei grillini e di altri componenti della minoranza, senza l’esame degli emendamenti presentati e rifiutando la dovuta verifica dei voti, nonostante fosse stata richiesta a gran voce.

IL VERO CANCRO DELL’ITALIA, messo a servizio dei POTERI forti e delle banche, è questo Partito Democratico, che di democratico ha ormai solo il nome.
Un partito che sembra un personaggio in cerca di autore, un eterno incompiuto, un contenitore dove le regole “regolarmente” convivono con le eccezioni. Un posto, un luogo dell’anima in continua tensione distruttiva.

“Mai più con Berlusconi”. “Nessun accordo con Berlusconi”. Detto fatto, ma al contrario.
E cosa ti fa Renzi appena eletto segretario? Dove ti va Renzi non appena assunta la guida del PD? Va da Berlusconi a stringere un accordo sulla legge elettorale. Questa è coerenza, vera coerenza, coerenza con una linea di partito seguita “coerentemente” da 20 anni: la linea del compromesso storico con Berlusconi, l’incontro e la mediazione tra gli interessi dell’uno (Berlusconi) e gli interessi dell’altro ( i vertici del PD preoccupati di restare a galla, di non fare la fine degli stronzi). E gli interessi degli italiani? Congelati, attendono lì da 20 anni qualcuno che se ne prenda cura.

E voi che votate PD da decenni adesso che anche il vostro ultimo segretario, la nuova speranza del PD e dell’Italia intera, incontra Berlusconi per stringere un nuovo accordo, cosa fate? Niente.
Continuate a fare quello che avete fatto in questo ventennio: continuate a giustificare queste azioni, questa politica del compromesso, questa politica che ha sfasciato l’Italia.
Sembra ormai diventato lo sport nazionale di voi elettori del PD: trovare giustificazioni ai comportamenti degli “eletti”, dei vostri rappresentanti, o presunti tali.

Si perchè si presume, fino a prova contraria, che questi signori del PD, questa gente che oggi governa e vi rappresenta, e purtroppo ci rappresenta, non sia stata scelta da voi proletari, da voi impiegati, da voi disoccupati e precari e “sottoccupati” di ogni genere e forma, né per stringere accordi con Berlusconi, né, soprattutto, per regalare 7,5 miliardi di euro alle banche.

Ma se la presunzione di chi scrive dovesse essere errata. Ma se doveste ritrovarvi in questa politica. Ma se questo stato di cose realmente vi soddisfa, vi appaga, vi gratifica, vi fa sentire cittadini liberi e ben rappresentati, continuate pure a giustificarli, continuate pure a votare PD, continuate pure a “scegliere” qualche nome calato dall’alto nei listini bloccati. Fatelo “liberamente”. Questa è la grande libertà che vi è concessa dai vostri vertici.

Giustifichiamo tutti. Giustifichiamo anche il Presidente Napolitano, perfetto complice di scelte scellerate, che solo qualche mese fa ha firmato il decreto IMU-BANKITALIA nonostante non ci fosse l’urgenza per la questione BANKITALIA (regalo di 7,5 miliardi alle banche) e nonostante la disomogeneità degli argomenti trattati nel decreto legge, e fregandosene altresì delle raccomandazioni della Corte Costituzionale (Sentenza 22/2012).

Scordatevi il fascismo, scordatevi il nazismo, perché le dittature assumono sempre sembianze diverse. Nell’attesa di un blitz per la legge elettorale, godetevi la dittatura del partigiano VIDEO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *