889 views

LA SCANDALOSA AUTOCENSURA DEL COMUNE DI GROTTE SU UN APPALTO DI EURO 694.000. PEGGIO CHE AI TEMPI DEL FASCISMO.



Di il 4 aprile 2017

traparenza diritto

E’ di una gravità inaudita il contenuto (anzi il non contenuto) della Delibera di Consiglio Comunale riunitosi nella seduta del 27/2/2017 per discutere sulla “realizzazione di un impianto polivalente coperto in contrada Fontana Pazza” dell’importo previsto di euro 694.000, di cui euro 185.000 a carico del bilancio comunale, quindi a carico delle tasche dei grottesi, mentre i restanti euro 509.000 a carico del Ministero dell’Interno con fondi europei.
In data 1/4/2017 viene pubblicata all’Albo Pretorio online del Comune di Grotte la Delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 27/2/2017 (vedi delibera di C.C. )  sui lavori del Consiglio medesimo in risposta alla richiesta da parte della minoranza consiliare di porre in discussione i lavori di costruzione di un Impianto Polivalente Sportivo sopra il campo di calcetto in c.da Fontana Pazza.
Eccone il contenuto testuale o meglio il “niente” scritto sulla Delibera: “Il Presidente invita il Responsabile di p.o. a relazionare. L’Architetto relaziona su tutta la vicenda, rendendo edotti i Consiglieri di tutte le fasi dell’iter relativo dall’inizio ad oggi. Il Consiglio prende atto. Il Presidente ringrazia e chiude i lavori del Consiglio
Su cosa abbia relazionato il funzionario del Comune o se ci siano stati interventi da parte dei consiglieri comunali, un mistero.
Peggio che al tempo del fascismo!
A cosa servono quindi i piani sulla trasparenza approvati e pubblicati dal Comune di Grotte? A nulla, solo carta straccia.
Cosa si vuol nascondere? Cosa c’è dietro?
Ve lo diciamo noi in poche parole.
La realizzazione dell’impianto sportivo polivalente in c.da Fontana Pazza rischia di trasformarsi in un clamoroso, quanto disastroso flop.
I 185.000 euro a carico dei Grottesi serviranno, almeno in questa fase,  per riparare i danni di una frana di una parte dell’area di cantiere arrivata quasi a ridosso della ferrovia, forse anche questa in pericolo.
Il finanziamento dei restanti euro 509.000, nell’ambito del Programma Operativo Sicurezza per lo sviluppo – Obiettivo Convergenza 2.8. PON Sicurezza POR 2007-2013, è stato ritirato perchè secondo il Ministero dell’Interno ci sarebbero state anomalie nelle procedure di appalto.
Conseguenza di tutto ciò è che attualmente non ci sono più i soldi necessari per realizzare l’impianto polivalente sportivo. Tuttavia l’Amministrazione è convinta di poter  recuperare il finanziamento. Lo speriamo bene.

I grottesi intanto dovranno sborsare euro 185.000 soltanto per rimediare ad una frana.
L’AUTOCENSURA DELLA DELIBERA NON E’ UN CASO, MA UN SUBDOLO MODO PER NASCONDERE LA VERITA’ AI GROTTESI.

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *