2.207 views

PAOLINO FANTAUZZO: IL SINDACO DALLE ORECCHIE DA MERCANTE



Di il 3 luglio 2016

corteo

Il Sindaco del comune di Grotte Fantauzzo Paolino, commerciante, è stato eletto da una minoranza dei votanti (27%).
Ciò è quanto dire su un atteggiamento del Primo Cittadino che risponde soltanto alle istanze di una piccola minoranza della popolazione  e non a quelle di numerosi cittadini, di contro si prodiga a creare disagi e inquinamento con le sue Ordinanze mercantilistiche.
Il Sindaco Fantauzzo è solito decidere, sia pure legittimamente,  su cose che interessano la generalità dei cittadini, senza minimamente consultarli e in netto contrasto con il suo fasullo programma elettorale.

NUOVI DISAGI PER I CORTEI FUNEBRI
Non è concepibile l’Ordinanza n.13 del 29/6/2016, a firma del Sindaco Fantauzzo,  che vieta ai cortei funebri, contrariamente a quanto consentito in passato, di percorrere in senso opposto di marcia il corso principale di Grotte, al fine di evitare “gravi intralci, con grave nocumento alla sicurezza stradale e…..danni economici agli esercenti commerciali …”.
In realta il Sindaco si prefigge di evitare piccoli disagi, ma ne provoca peggiori. Un rimedio  peggiore del male.
I cortei funebri, che non sempre sono motorizzati, saranno quindi costretti ad allungare il percorso anche di chilometri, provocando rallentamento del traffico ordinario in altre vie e inquinando maggiormente l’abitato di Grotte.
Caso emblematico è che a causa di detta Ordinanza, il corteo funebre impedito dal percorrere contromano il Corso per soli 70 m (partendo dal Carmelo) oppure per 250 m (partendo da piazza Marconi) prima di immettersi nella via Duca D’Aosta, dovrà fare un giro lungo di oltre 1.5 Km.
E se a ciò aggiungiamo il fatto che lo stesso allungamento si ha anche per accompagnare il feretro in chiesa, il disagio per i cittadini sarà ancora più vistoso.
Le motivazioni di tale decisione, poste a base dell’Ordinanza Sindacale n.13/2016, sono ridicole, fantomatiche e prive di fondamento ove si pensi che a fronte di un insignificante danno per una presunta mancata vendita da parte degli esercenti per una brevissima sospensione del traffico, si verificherebbe di contro un maggiore inquinamento e un notevole disagio per centinaia di cittadini.
Secondo il Sindaco, inoltre, un corteo funebre contromano  intaccherebbe la sicurezza stradale, quando già la stessa è continuamente pregiudicata da un traffico incessante per l’intera giornata lungo il corso principale, dove l’aria è irrespirabile, dove i pedoni rischiano di inciampare su un pavimento dissestato o, a causa dei marciapiedi occupati dagli esercenti, rischiano di essere travolti dai mezzi in transito.
La realtà è che il corso principale di Grotte è diventato ormai un luogo inquinato e poco sicuro, invivibile per i pedoni.
Al di sopra di tutto vanno salvaguardate la salute e la sicurezza dei cittadini.
Eppure, nonostante le diffuse critiche da parte dei cittadini, nessuna marcia indietro del Sindaco minoritario.

L’ISOLA PEDONALE CHE NON C’E’

mascherine
Ci risulta che 150 cittadini, tramite il Comitato Civico, hanno chiesto al Sindaco di istituire durante il periodo estivo 2 ore di isola pedonale lungo un tratto del corso principale, per consentire nelle ore di luce meno calde della giornata una passeggiata salutare ai pensionati e ai genitori con bambini piccoli.
A tutt’oggi nessuna risposta.

TUTTO CIÒ A CAUSA DI UN SINDACO CHE FA ORECCHIE DA MERCANTE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *