5.075 views

Tares. Todaro e Cutaia si arrampicano sugli specchi



Di il 7 dicembre 2013

Vicenda TARES, Regolamento spazzatura. Dopo il silenzio le scuse? Ma che.
I consiglieri di minoranza di “Grotte libera e solidale” si arrampicano sugli specchi e pubblicano alcuni dei verbali delle sette commissioni consiliari alle quali due di loro hanno partecipato per la stesura del Regolamento.
Schermata 12-2456634 alle 17.17.27

Nello stralcio di verbale pubblicato si legge infatti che “dopo un attento esame i componenti Liotta Liliana, Rizzo Salvatore e Puglisi Angelo, propongono all’approvazione del Consiglio comunale il Regolamento Tares che viene siglato da tutti i componenti in ogni pagina

I consiglieri Todaro e Cutaia hanno siglato, cioè hanno firmato, pagina per pagina,  ogni foglio del Regolamento TARES di Grotte, (Guarda le sigle dei 5 componenti della Commissione apposte lateralmente in ogni pagina del Regolamento) regolamento copiato per intero da quello di Viareggio e, al pari di tutti gli altri componenti della Commissione (Liotta Puglisi e Rizzo), non si sono resi minimamente conto di cosa stessero  siglando.

Il fatto che Grotte libera e solidale volesse restare in regime di Tarsu anche per il 2013 non giustifica per niente il comportamento della Todaro e di Cutaia, che avevano il dovere, qualora li avessero visti, di segnalare agli altri componenti della Commissione tutti i “refusi di stampa” contenuti nel documento poi approvato dal Consiglio.

È il momento di chiedere scusa e di restituire ai cittadini anche i gettoni di presenza delle sette commissioni consiliari convocate per discutere di TARES, nonché i gettoni di presenza della seduta consiliare di approvazione del regolamento del 13 novembre.

E ciò sarebbe opportuno perché  lo ripetiamo – i consiglieri comunali, per Statuto comunale,  “rappresentano l’intera comunità, alla quale costantemente rispondono” e perché “Il Consiglio è l’organo di indirizzo e di controllo politico amministrativo..” ed esercita tutte le attribuzioni su molti atti, tra cui appunto i regolamenti… (artt. 11 e 8 Statuto Comunale Grotte).

Non avendo letto o avendo letto in modo parziale il regolamento – e non lo diciamo noi, ma i risultati che avete prodotto – non avete rispettato la comunità grottese, non avete esercitato la vostra funzione di controllo e, se avete un minimo di dignità, dovreste quantomeno restituire i gettoni di presenza percepiti per un lavoro svolto non con la dovuta diligenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *