1.985 views

IMU AGRICOLA: UN ALTRO ATTO DI PIRATERIA DEL GOVERNO RENZI CONTRO I COLTIVATORI DELL’AGRIGENTINO



Di il 25 gennaio 2015

imu-terreni-agricoli

Con D.L. n.4 del 24/1/2015  (GU n.19 del 24/1/2015),  il Governo Renzi  in 23 Comuni della provincia di Agrigento ha soppresso la esenzione dell’IMU per i coltivatori diretti e imprenditori agricoli per l’anno 2015.
IL GOVERNO TOGLIE SOLDI AGLI AGRICOLTORI PER PAGARE GLI 80 EURO. UNA VERGOGNA!.
Grotte, Racalmuto, Alessandria della Rocca, Aragona, Calamonaci, Camastra, Campobello di Licata, Canicattì, Castrofilippo, Cianciana, Comitini, Favara, Lucca Sicula, Montevago, Naro, Raffadali, Ravanusa, Sambuca di Sicilia, San Biagio Platani, Santa Elisabetta, Santa Margherita Belice, Sant’Angelo Muxaro, Villafranca Sicula sono i 23 comuni della provincia di Agrigento definiti NON MONTANI (NM) ove, in base al primo Decreto del 28/11/2014 i coltivatori diretti e imprenditori agricoli, già esentati dall’IMU agricola per l’anno 2014, dovranno invece pagarla a partire dal 2015.
Questo è stato deciso l’altro giorno dal Governo Renzi, che in una sorta del gioco delle tre carte, ha suddiviso i Comuni ai fini del pagamento dell’IMU agricola non più in base all’altitudine, ma in base alla classificazione ISTAT: comuni NON MONTANI (NM), MONTANI (T) e PARZIALMENTE MONTANI (P).
Vedi ELENCO COMUNI secondo la nuova classificazione.
Con il nuovo marchingegno nel complesso l’IMU da incassare nel 2015 nella provincia di Agrigento sarà superiore a quella originariamente prevista (circa un milione di euro in più). Uno scippo ben orchestrato a discapito soprattutto dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli che oltre al danno di non avere diritto agli 80 euro, pure la beffa di pagare per quelli che invece li ricevono.
In conclusione a partire dal 2015:
-per i terreni agricoli TOTALMENTE MONTANI (T) dei 4 comuni della provincia di Agrigento (Burgio, Cammarata, San Giovanni Gemini, Santo Stefano di Quisquina) è prevista la totale esenzione dall’IMU agricola per tutti i possessori;
– per i terreni agricoli PARZIALMENTE MONTANI (P) dei 3 comuni della provincia di Agrigento (Bivona, Caltabellotta, Casteltermini) l’esenzione è prevista solo per coltivatori diretti e imprenditori agricoli ed anche nel caso di concessione degli stessi in comodato o in affitto a coltivatori diretti e a imprenditori agricoli professionali;
– per i terreni di tutti gli altri comuni definiti NON MONTANI (NM) non è prevista nessuna esenzione.
E’ davvero vomitevole sentire esponenti del PD che ringraziano il Governo Renzi per quest’ultimo Decreto del Gennaio 2015 quando, invero, è stato sferrato un colpo mortale all’economia agricola dell’agrigentino e non solo.
Con quest’ultimo Decreto la scadenza di pagamento è slittata al 10 febbraio 2015.
INIQUITA’ E FOLLIA DEL GOVERNO RENZI ELARGIRE 80 EURO A SPESE DEGLI AGRICOLTORI E DELLE PICCOLE PARTITE IVA DI UNA DELLE PROVINCE PIU’ POVERE D’ITALIA.

Tags:

One Response to IMU AGRICOLA: UN ALTRO ATTO DI PIRATERIA DEL GOVERNO RENZI CONTRO I COLTIVATORI DELL’AGRIGENTINO

  1. salvatore on 11 febbraio 2015 at 15:54

    anche i nuovi falsi paladini perdono il pelo ma non la furbizia di tassare a tradimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *