3.311 views

Una cittadina scrive: “Il Calvario è stato deturpato dal Cemento”



Di il 14 aprile 2014

Dopo che l’amministrazione ha fatto sistemare il Calvario con il cemento, è arrivata alla nostra redazione una lettera di protesta, che pubblichiamo integralmente e che invita tutti ad una riflessione sul valore dei monumenti del nostro paese e sulla necessità di difenderli per proteggere la nostra storia.

Ogni giorno che passa io sento e leggo notizie sconcertanti sul mio paese, come ad esempio l’incompetenza di chi per ora ci rappresenta.
Io se una volta ero fiero di essere un grottese, perchè mi vantavo delle menti che ci stanno nel nostro paese, ora me ne vergogno.
Iniziando dalla brutta figura a livello nazionale e arrivando ora al problema che c’è stato con il pagamento della Tares.
Ma ciò che oggi mi ha premuto scriverti è un fatto culturale e soprattutto monumentale e storico.


C’entra il fatto del calvario che da quanto ho letto e sentito l’hanno sistemato con il cemento. Ciò mi crea rabbia e sgomento.
Una qualsiasi persona può dire: Perchè?
Bhè ti dirò io sto in una città dove in alcune stradelle che percorro trovo una pavimentazione simile a quella del nostro Calvario, e osservandola non un minimo mattone della struttura di un singolo gradino è stato rovinato con il cemento.


Ora il Calvario è come un monumento storico per il nostro paese, che insieme alla festa di pasqua se saputa gestire meglio può portare a un guadagno economico ai nostri concittadini commercianti e non può essere rovinato in questa maniera!

Calvario e cemento

Calvario e cemento


Io mi chiedo: “Se dovranno far sistemare la chiesa del Purgatorio, altro monumento, come la ristruttureranno? All’interno pur di risparmiarci; la faranno dipingere con un’unica tinta?
Siamo arrivati a toccare l’ASSURDO!


Ora che ti ho detto il problema che oggi mi ha arrecato rabbia, chiedo a te e al tuo partito di difendere anche quei monumenti che rappresentano il nostro comune!
Perchè essi sono il ricordo dei nostri avi, sono la nostra storia.

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *